fbpx
loading

Marketing Digitale: creare il tuo brand

Quando la giusta mentalità ci fece vincere il Mondiale

Quando la giusta mentalità ci fece vincere il Mondiale


Nel precedente articolo, abbiamo parlato di Marketing Digitale e di come diventi sempre più fondamentale nelle logiche aziendali, per creare dei brand che siano business online, che siano attività locali (offline).

Ti ho accennato che esistono svariati strumenti per portare avanti il progetto di digitalizzazione d’impresa che ti sei prefissato, di iniziare a trarre vantaggi e profitto dal web.

Ma, non a caso, ho parlato di strumenti.

Oggi i nostri competitors non sono solo i negozi accanto al nostro, ma sono tutti i negozi simili al nostro nel mondo, sono le multinazionali, sono tutti quelli che fanno business nel globo. Dunque, oltre ad avere un prodotto interessante da vendere, un pubblico che ne ha bisogno, un’offerta da fare a quel pubblico… dobbiamo essere credibili, affidabili e presenti.

Dobbiamo investire su noi stessi.

Il focus che hai è sbagliato

L’obiettivo di ogni progetto imprenditoriale è quello di far soldi, di riempire le saccocce, perché è così che gira il mondo ed è così che riusciamo a pagare la spesa e le bollette a fine mese e a goderci, magari, giusto qualche sfizio.

Niente di più giusto e sacrosanto. Il lavoro che si fa può anche essere la passione della propria vita (come nel mio caso), ma per poterlo fare bisogna far cassa e fare in modo che questa nostra passione ci renda autosufficienti, economicamente parlando.

L’obiettivo, dunque, è giusto; spesso e volentieri, però (l’ho sperimentato su me stesso), il focus è assolutamente sbagliato!

Un caso reale: il mio

All’inizio della mia attività, mi focalizzavo sul reperire i clienti, andarli a prendere a casa e portarli al mio studio per proporgli qualcosa di cui, magari, non avevano nemmeno bisogno. Il mio focus, entrando nello specifico, era sulla fattura che avrei staccato a lavoro completato e alla soddisfazione di aver incassato una cifra. Il mio focus era sbagliato. Per tre motivi:

  1. Ho fatto sconti, che voi umani non potete nemmeno immaginare! I clienti non percepivano il valore che io avrei potuto dare loro, ragion per cui mi trovavo a dover fare sconti esagerati per prendere il lavoro e, di conseguenza, ci rimettevo costantemente.
  2. Non ho prodotto lavori di qualità. Il poco budget a disposizione mi obbligavano a consegnare i lavori nel minor tempo possibile, anziché a lavoro compiuto nel miglior modo possibile. Questo perchè…
  3. Ero sempre costretto a cercare nuovi clienti. Per arrivare a fine mese con la pagnotta sul tavolo, dovevo spendere gran parte del mio tempo a cercare il mio prossimo cliente, mentre ancora non avevo finito il lavoro in corso.

Il tutto, vi assicuro, era delirante. Ho sofferto di cali di autostima, di paura di non farcela, di paura di essere surclassato da tasse e adempimenti. Era difficile. Erano i clienti che stabilivano per me quanto valeva il mio tempo. Lavoravo per 6 giorni la settimana per 10 ore al giorno e correvo sempre il rischio di non poter pagare la connessione ad internet. Per questo era sbagliato. L’obiettivo era giusto, il focus era sbagliato.

Correggi il tuo focus

Ipotizziamo di essere un calciatore e di voler vincere la partita: devo focalizzarmi sulla vittoria e non a fare il goal. Se mi focalizzo sul goal e questi non arriva, entrerò in una fase ossessiva in cui la cosa più importante sarà fare quella maledetta rete e, anche se avessi un compagno smarcato in area pronto a buttarla dentro, io cercherò la solitaria, la sbaglierò per mancanza di lucidità e la partita, alla fine… la perdo.

Ecco: la fattura è il goal, ma la partita prevede anche di non prendere goal, di marcare bene, di passarla al compagno nella posizione migliore.

Bisogna correggere il nostro focus.

Il focus corretto è la tua immagine aziendale, la tua Marca… il tuo Brand.

Concentrati sul Brand

Se cominci a focalizzarti sul tuo Brand, a sviluppare il tuo valore, ad importi nel tuo settore di appartenenza come una forza, come l’azienda che è sempre un passo avanti agli altri, saranno gli stessi clienti che verranno a cercarti, perché capiranno che tu hai le capacità e le competenze per risolvere il loro problema. Sei tu l’uomo giusto.

Quando ho iniziato a fare Marketing Digitale, a lavorare sulla mia immagine, sul mio profilo, sul mio nome, sulla comunicazione del mio valore… ho cambiato il mio focus, dalla fattura al brand. E le cose sono cambiate.

Certo, c’è sempre il rischio di sbagliare, all’inizio qualcosa in cui ti sentivi forte ne risentirà, a vantaggio della costruzione del Brand, in cui sei ancora all’inizio. Devi togliere del tempo o delle risorse a qualcosa di tradizionale, qualcosa in cui eri bravo, e dedicarle alla costruzione della tua immagine pubblica. Se, magari, prima riuscivi a fare mille fotocopie in un’ora, dopo non riuscirai a farne più di 500. Ma è una fase di transizione, le cose si regoleranno, con calma.

Più la reputazione del tuo Brand crescerà, più la gente si fiderà di te e di ciò che offri. Questo si traduce in risultati tangibili e entrate costanti nel tempo.

Hai ottenuto il tuo obiettivo primario (fatturare) attraverso un percorso diverso, ma molto, molto più efficace.

Creare il tuo Brand tramite il Marketing Digitale

Oggi come oggi abbiamo una miriade di strumenti che possiamo utilizzare per creare il nostro Brand e il nostro pubblico e, di conseguenza, Marketing Digitale.

Ti do una serie di consigli pratici per creare il tuo brand sul digitale.

  1. Investi in Brand Identity: migliora, quindi, la capacità comunicativa del tuo Marchio, delle tue campagne pubblicitarie;
  2. Sii presente sui Social Network: Facebook, Instagram, Linkedin, YouTube: scegli i social più vicini al tuo target di riferimento;
  3. Meglio un solo social curato bene che non tanti curati male;
  4. Crea contenuti di valore: spiega ai tuoi affezionati followers cosa fai, come lo fai, racconta la tua storia, racconta i tuoi casi di successo;
  5. Crea contenuti interattivi: fai in modo che i tuoi fans possano interagire con te, sii presente, rispondi, fai in modo che ti lascino commenti, reazioni e condivisioni.
  6. Crea video: ad oggi i video sono un potente mezzo di comunicazione, inizia a pensarci (io lo sto facendo);
  7. Fai sponsorizzate: senza soldi Facebook ti limita la crescita, difficilmente ti farà arrivare nuovi followers e i tuoi sforzi saranno vani. Anche piccole sponsorizzate da 10, 20, 30 euro euro una volta al mese possono fare la differenza.
  8. Usa un linguaggio semplice: non perderti nei tecnicismi. Tranne che non ti confronti con un pubblico di tecnici, avrai a che fare con gente normale che vuole sentirsi dire cose normali e interessanti.
  9. Sii costante: devi pubblicare almeno 2-3 post a settimana per generare valore e per fidelizzare il tuo pubblico.

Spero di averti dato dei consigli utili per creare il tuo brand, ma, soprattutto, averti incentivato a spostare il tuo focus, a rivedere il tuo modo di fare business in modo più ampio ed efficace, soprattutto a lungo termine.

Sei interessato a saperne di più sul Marketing Digitale? Iscriviti alla mia Newsletter e ti avviserò quando ci saranno nuove uscite.

Iscriviti alla Newsletter

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti piace quello che

stai leggendo?

Seguimi sui social, così entreremo in contatto diretto e potrai chiedermi quello che vuoi, quando vuoi.

 

 

SEGUIMI SU

FACEBOOK